Archivio

Portolano

La Galleria Rossmut di Roma ha ospitato la prima personale in Italia di Carlos Martiel (L’Avana, 1989), a cura di Diego Sileo, curatore del Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano e profondo conoscitore dell’arte cubana. La mostra ha raccolto la documentazione fotografica e i video che mostrano alcune sue performance realizzate >…

Mentre, spesso a sproposito, tutti scrivono sui giornali e sul web di populismo, la letteratura critica disponibile in Italia è alquanto magra in confronto ad altri paesi, se si eccettuano i contributi specificamente volti all’analisi di fenomeni locali (Lega e M5s). Basti ricordare che non sono mai stati tradotti testi >…

Il divario Est Ovest non è obsoleto. L’egemonia è ancora intatta, un’egemonia dell’Ovest nello stabilire la direzione. Ciò che è mutato è il modo in cui ci rapportiamo a ciò. Intrappolato nel processo di transizione, l’Est ha tradotto se stesso nell’idioma dell’ovest cercando disperatamente di ottenere l’impossibile – l’autenticità dell’originale. >…

Marco Scotini: Ancora oggi l’idea di modernità (tanto politica che artistica) è soltanto quella occidentale. E nella sua affermazione (penso soprattutto all’arte americana della fine degli anni Quaranta) si è avvalsa della contrapposizione al Realismo socialista del Blocco sovietico. Se però guardiamo all’arte della Jugoslavia ci imbattiamo in una sorta >…

Elvira Vannini: La fenomenizzazione del linguaggio, della semiotica e della geopolitica sono al centro dei tuoi interessi di artista e di «pre-poeta» – come ami definirti. Quale era il potenziale radicale dei modelli estetici della «nuova arte», che avrebbe trovato un terreno fertile nel quadro ideologico dell’autogestione socialista della Jugoslavia >…

Newsletter

Per essere sempre aggiornato iscriviti alla nostra newsletter

    al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/03