Archivio

Anima al lavoro

Nell’articolo precedente siamo arrivati a definire l’infrastruttura della nuova istituzione di ricerca, composta da: il sistema dell’identità variabile tramite cui tutti gli attori (umani, non umani, computazionali, ambientali, territoriali, legali, sconosciuti, temporanei, transitivi, i loro raggruppamenti e combinazioni) si possono esprimere e posizionare nell’azione performativa del ricercare, del conoscere e >…

Questo racconto è un contributo dell’autore in relazione alla sua partecipazione al ciclo di fantascienza radicale dal titolo premonitore La Fine dell’Uomo, tenutosi a Milano nel 2019 e al n.10 di Un’ambigua utopia, un numero speciale in cartaceo della rivista culto dedicato allo stesso tema, la cui uscita è prevista >…

Tra le cose da scongiurare, in questi disperati giorni di quarantena, c’è la possibilità di un biotrauma sociale. Con il termine «biotrauma», in campo medico, si intende una risposta infiammatoria del corpo all’uso prolungato di ventilatori polmonari, un dispositivo artificiale che purtroppo abbiamo imparato a conoscere bene proprio a causa >…

Il principale tratto del suo carattere? La nostalgia del futuro Luigi Nono, La nostalgia del futuro (2007)  Colpisce, nella risposta data dal musicista Luigi Nono al questionario di Proust che chiude la raccolta di saggi dall’omonimo titolo, la caratteristica principale delle temporalità non cronologiche: la nostalgia (del futuro) non è >…

La Fondazione Torrita Cultura, con il patrocinio della Fondazione Filiberto e Bianca Menna, della Fondazione Leonardo Sinisgalli, dell’Accademia di Belle Arti Albertina di Torino e dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, con la sponsorizzazione di Minerva Auctions e la media-partnership di Arshake, Insula Europea e OperaViva Magazine, è lieta di >…

Newsletter

Per essere sempre aggiornato iscriviti alla nostra newsletter

al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/03