Archivio

Ecologia

Eccesso e scarto. Eco-logiche dell’accumulazione Alessio Kolioulis Il periodo di crisi sociale ed ecologica connessa agli sviluppi del capitalismo finanziario è in parte riconducibile a logiche di accumulazione. Per accumulazione è da intendersi non solo l’accrescimento di capitale finanziario, ma anche di capitale umano e tecnologico atti alla riproduzione di >…

Ecologia senza arte Marco Scotini Senza dissenso non ci può essere ecologia, ma solo soluzioni tecnocratiche. Dunque non c’è chi non veda come le soggettività eterogenee (plurali, frattali e polifoniche) nate con il ’68 – e, dunque, lontano mille miglia dall’individualità neoliberista contemporanea – siano mosse da una volontà comune >…

La crescente sensibilità per le questioni ambientali di questo periodo, apre un varco su uno scenario più ampio e difficile che chiama in causa le trasformazioni antropologiche e tecnologiche del nostro tempo. Le catastrofi climatiche, idrogeologiche non sono unicamente l’esito di una presunta natura violentata dall’impronta umana, quanto il risultato >…

Per riprendere come termine di paragone iniziale alcune formulazioni di uno studioso certamente attento a tutte quelle nefaste modalità d’impiego del «nostro» presente che hanno come obiettivo quello di ipotecare il futuro (Edgar Morin), cioè di de/finirlo, il nostro seminario di studi si articola invece sulla base della convinzione che >…

Uno degli apporti più innovativi della riflessione di Félix Guattari alla questione ecologica è di averla smarcata da una impronta strettamente «ambientalista» operando un’azione di denaturalizzazione delle analisi e degli oggetti di studio ecologici. In questo senso, la sua proposta teorica, nota come Ecosofia, si articola su tre livelli complementari >…

Enea: «Voglio accendere quella lampada luminosa… come Venere, come Marte, come Livia». Per Livia, per Enea, due bambini.  Durerà? Oltre questa estate di presenza, dove tutte le cose stanno lì dove devono stare, niente scarta da niente e la vita scorre così naturale da non sembrare nemmeno un miracolo?  È >…

La crisi ecologica si intreccia a una vasta gamma di problemi sociali, dall’intensificarsi della violenza all’austerità e alle tensioni internazionali. Xenofobia, populismo, persino la nostalgia del fascismo, sembrano essere le sole risposte alle ansie di chi è stato colpito dalla globalizzazione selvaggia e dalla spietatezza neoliberale  Viviamo una crisi multiforme. >…

Pubblichiamo un estratto da Politique de la végétation. Pratiques artistiques, stratégies communautaires, agroecologie (Eterotopia France, 2019). Politiques de la Végétation, appena uscito in Francia, presenta una genealogia e un insieme di esperienze in cui pratiche artistiche, attivismo e produzione di spazi si incontrano per mettere in evidenza i rapporti tra agricoltura e >…

Il testo qui riprodotto è il foglio di sala relativo alla mostra ilmondoinfine: vivere tra le rovine (Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea, Roma, 13 dicembre 2018 / 23 gennaio 2019).  Da dove si comincia in una mostra che, esattamente come il tema di cui parla, non ha un >…

Il testo che segue è stato discusso e presentato dall’autrice nell’ambito della tavola rotonda Reincantare il mondo: verso un’ecologia dei fantasmi (ilmondoinfine: vivere tra le rovine, Galleria Nazionale d’arte moderna e contemporanea, Roma 13 dicembre 2018 / 23 gennaio 2019).  1. Il ragionamento che proverò a sviluppare ha due punti >…

Il testo che segue è stato discusso e presentato dall’autore nell’ambito della tavola rotonda Reincantare il mondo: verso un’ecologia dei fantasmi (ilmondoinfine: vivere tra le rovine, Galleria Nazionale d’arte moderna e contemporanea, Roma 13 dicembre 2018 / 23 gennaio 2019). Per uno strano ribaltamento delle cose, ciò di cui i >…

Newsletter

Per essere sempre aggiornato iscriviti alla nostra newsletter

al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/03